RAFFAELE CAPUANA

Disegni e guaches


9 – 30 luglio 2017
Inaugurazione: sabato 9 luglio – ore 18:00

A cura di Paolo Pocchini

Testo e presentazione di Giorgio Seveso

R.Capuana_Immagine_1375

…Ecco un artista che rappresenta un’incognita. Defilato, misterioso, isolato in un suo bozzolo d’umanità silenziosa, pochi lo hanno incontrato, nessuno può dire di conoscerlo. Eppure è strepitoso e altissimo il grido dei suoi dipinti e dei suoi disegni, un sonoro scrosciare di profondità visionaria che, dal primo sguardo, si impone violentemente ai sensi dello spettatore.

Autoritratti allucinati, graffiati, sporcati, e poi immagini vaghe di pittura dolente occupano le sue giornate. Dalle sue mani febbrili una sorta di fulmine iroso lacera la luce notturna che lo circonda e accumula maniacalmente fogli e tele, calepini e cartoni brulicanti di sintesi aggrovigliate e chiarità dolenti, fitti di grazia irritata, di enfasi espressionista, d’anima esacerbata.

Formidabile poeta dei segni e della vertigine, eccolo rappresentare qui per noi il suo mistero pittorico, il fascino intrigante della sua creatività.

Da dove provengono, verso dove dirigono questi franamenti del gesto e del senso, queste iterazioni, queste insistenze d’introspezioni allucinate e ipnotiche come litanie, io non so dire.

E davvero nessuno ha le risposte. Resta soltanto, sospesa nello spazio di una ambigua liricità del fare, illuminata dal fascino di un talento indicibile, l’evidenza dello splendore e dell’incanto.

                                                                                                                                        Giorgio Seveso